CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI MILANO 26,27 e 28 LUGLIO 2013

Un viaggio lungo  11 ore ha visto protagonisti i nostri atleti diretti in quel di Milano in vista dei Campionati Italiani Assoluti. Una Milano immensa per grandezza, per popolazione e potremmo dire anche per traffico, che ci ha riservato non poche sorprese.

Ben 10 i tesserati per l’Alteratletica Locorotondo capaci di conquistare il minimo richiesto dalla Federazione per occupare un posto tra gli iscritti a questa rassegna Tricolore che, nel weekend tra il 26 e il 28 luglio 2013, ha riempito la storica e maestosa 'Arena Civica Gianni Brera'.

Una volta arrivati a Milano, i nostri atleti hanno effettuato la solita “sgambata” per sciogliere i muscoli vittime delle tante ore di viaggio e, dopo cena, si sono concessi anche un innegabile visita nel Centro Storico della città che racchiude la maggior parte del patrimonio artistico - architettonico di Milano. Simbolo della città è ovviamente la cattedrale di Santa Maria Nascente conosciuta con il nome di Duomo Di Milano, ma tra le altre bellezze visitate ci sono la Galleria di Vittorio Emanuele II e il Castello Sforzesco ornato dai giardini dell’omonima piazza e dal Parco Sempione. Terminata la visita, gli atleti e il dirigente Antonio Petino, si sono diretti verso l’Hotel Regency per riposare in vista della prima giornata di gare che avrebbe avuto inizio il giorno seguente. Arrivati all’Arena, inizialmente protagonista è stato il caldo afoso che ha inciso, e non poco, sulle prestazione di tutti gli atleti. Ad aprire le gare, per i colori dell’ Alteratletica, sono state le due atlete Giulia Guarino e Loredana Di Grazia, impegnate entrambe nella prima batteria di qualificazione degli 800 metri. Di Grazia si piazza sesta con il tempo di 2:10.30, alle sue spalle è invece settima Guarino con il tempo di 2:11.20. Purtroppo  niente finale per entrambe che comunque non rimangono lontane dal loro personale sulla distanza. A scendere successivamente in pista è  l’allievo, più piccolo tra la lista dei partenti, Gregorio Angelini nella 10km di marcia.  Reduce dalla bella trasferta dei Mondiali Allievi  di Donetsk in Ucraina dove ha conquistato il 7° posto con il PB di 45:26’66” Gregorio cerca di impostare la gara sul ritmo. Nonostante l’orario, circa le 20.30, la temperatura era ancora molto calda e il sole non ha risparmiato gli atleti durante il corso della loro fatica.  Angelini viene purtroppo beffato da una crisi respiratoria dal 6° all’8° km, ma riesce a chiudere forte  finendo così al 16esimo posto con il tempo di 45:40.67. A seguito della marcia maschile è la volta della marcia femminile che vede tra le partecipanti le nostre due atlete Federica Castellana e Nicoletta Dell’ Aquila. L’ora era ormai tarda, circa le 21.30, e si fa sentire l’umidità. Una nota di spettacolo, in questa gara, la ha avuta il pubblico che, a vederlo correre e saltare, sembrava volesse partecipare alle gare, ma la causa di questi agitati movimenti è stata invece un’invasione di zanzare tigri che ha, in pochi minuti, decimato il pubblico dell’ Arena  il quale scappava, appunto, per correre ai ripari. Condizioni quindi non ottimali per le nostre atlete; Dell’Aquila conclude la gara al 13esimo posto con il tempo di 52:36.82 mentre Castellana è 16esima con il tempo di 53:4.88. La prima giornata di gare è giunta al termine e i pochi spettatori rimasti sembravano essere usciti da una fabbrica di calze a pois, date le loro gambe piene di punture di zanzare. La mattinata della seconda giornata si apre con la gara di Adriana Tarturo che conclude con un po’ di rammarico la sua batteria dei 400 ostacoli al settimo posto con il tempo di 1:03.82. Un po’ di rammarico anche nel pomeriggio dove, nella gara di lancio del disco, l’atleta Chiara Centofanti conclude al 19esimo posto con due nulli e un lancio che non va oltre i 38.12 metri. Nella terza e ultima giornata di gara, l’aria sembrava più fresca rispetto alle giornate precedenti, ma era comunque ancora molto calda. A scendere in campo sono le due lanciatrici Chiara Centofanti e Deborah Spadaro che, purtroppo, non riescono a centrare la finale del peso classificandosi rispettivamente undicesima con la misura di 11.97 metri e dodicesima con la misura di 11.51 metri. Quasi contemporaneamente è in gara anche l’astista Francesca Semeraro, classe 1997, che purtroppo però, in seguito a tre nulli, non riesce a centrare la misura di entrata in gara. Dopo un po’ di risultati altalenanti, una grande prestazione arriva per l’Alteratletica dalle ragazze della 4 x 400: Girardi Stefania, Guarino Giulia, Tarturo Adriana e Di Grazia Loredana che, con il tempo di 3:54.12 concludono in decima posizione (seconde in batteria) e ottengono anche la migliore prestazione personale. La manifestazione è giunta quindi al termine, l’Alteratletica torna a casa con buoni risultati, forse un po’ al di sotto delle aspettative, ma  che entreranno  nel bagaglio di esperienze dei nostri atleti e  contribuiranno senz’ altro a renderli più forti e più agguerriti . Nell’augurio di fare sempre meglio, come dice una grande atleta italiana quale Chiara Rosa: “la miglior gara che ho mai fatto è quella che devo ancora fare”.

In bocca al lupo a tutti gli atleti!

 

Anna Pia Angelini